Oppio, l’Afghanistan raddoppia

di Andrea Tomasi

La produzione di oppio in Afghanistan nel 2017 ha visto un incremento dell’87%. È quanto emerge dal rapporto annuale redatto dall’Ufficio dell’Onu contro il traffico di droga e la criminalità organizzata (Undoc).

I rilevamenti hanno mostrato che dal livello stimato annuo del 2016 di 4.800 tonnellate, nel 2017 la produzione ha raggiunto circa 9.000 tonnellate. E questo, sottolinea l’Undoc, «potrebbe trasformarsi in un aumento delle sfide per l’Afghanistan». Il Rapporto 2017, ha insistito l’organizzazione dell’Onu, «ha fatto risaltare un deludente rovescio rispetto ai risultati registrati 12 mesi prima mettendo in evidenza un trend profondamente allarmante nella coltivazione e produzione dell’oppio nel Paese».

Nel 2015, secondo le stime dell’agenzia delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine, un chilo di oppio fruttò 200 dollari mentre un chilo di fagioli, una delle colture alternative al papavero, generò un dollaro. Dati, questi, riportati da Loretta Napoleoni sul Fatto Quotidiano.

«La produzione di oppio – scrive nel suo blog – è concentrata principalmente nella regione di Helmand, a sud del paese, e quasi la metà di questa proviene dagli altopiani situati nell’Helmand occidentale».

E ancora: «Il commercio degli oppiacei è la fonte principale delle entrate dei Talebani con la quale finanziano la guerra contro il governo di Kabul. Secondo stime delle Nazioni Unite, nel 2014 la produzione di oppio ha fruttato circa 2,8 miliardi di dollari, cifra che nel 2016 salirà a 3 miliardi di dollari».

«Non sono solo i talebani a beneficiare del commercio degli oppiacei. Anche i funzionari del governo impongono una tassa nei distretti da loro controllati dove si produce l’oppio. Gli agricoltori pagano 5.000 rupie pakistane, circa 50 dollari, per ettaro di papaveri».

Swiss Info riporta le parole del direttore esecutivo dell’agenzia delle Nazioni Unite Yuri Fedotov: «Sia per l’Afghanistan, sia per il mondo intero, ci si sta muovendo verso un territorio inesplorato con nuovi massimi produttivi di oppio che cancellano quelli precedenti del 2014». Le 9000 tonnellate del 2017, ha aggiunto, «rappresentano una produzione perfino in eccesso rispetto alla domanda globale di droghe derivate dall’oppio».

Fedotov ha dichiarato che «i successi ottenuti nella governance e nella trasparenza in Afghanistan e nei Paesi vicini, si troveranno a dover sostenere, a causa di questo trend, la sfida di più instabilità e insicurezza, e di maggiori finanziamenti a disposizione dei gruppi terroristici».

Nel saggio «Afghanistan 2001-2016 – La nuova guerra dell’oppio» Enrico Piovesana – giornalista legato a PeaceReporter (testata giornalistica dell’Ong Emergency) – teorizza che la presenza delle truppe Nato avrebbe favorito i narcotrafficanti. Nel 2000, prima dell’intervento militare, la produzione di oppio in Afghanistan era azzerata, oggi rappresenta il 92% di quella mondiale.

«Di certo – scriveva Marcello Foa su Il Giornale lo scorso anno – la guerra in Afghanistan è stata un fallimento. Non è servita a sradicare un regime indicato come uno dei principali sostenitori del terrorismo neosalafita. Non ha portato democrazia, né benessere alle popolazioni locali, che sono sempre più povere. In compenso ha generato immensi benefici ai trafficanti di droga. È la verità taciuta su questo conflitto, sebbene ci riguardi da vicino perché l’eroina finisce anche in Europa».

Sotto l’occupazione militare degli Stati Uniti e della Nato l’Afghanistan ha raggiunto il quasi monopolio mondiale della produzione di oppio e di eroina. «Questi prodotti sono consumati in parte nel Paese ma sono soprattutto esportati (contrabbandati?) in Iran e in Russia (Paesi nemici degli Stati Uniti). Questa stessa droga arriva poi anche da noi ed è la stessa che troviamo spacciata sotto casa».

«Verso la fine del libro – scrive Carmilla – l’autore fa notare che vi sono alcune compagnie aeree di contractors vicine alla Cia che si prestano a fare qualsiasi tipo di trasporto retribuito. Nel libro compaiono diversi nomi di ditte che lascio alla curiosità lettore (pp. 65-67)».

«In sintesi l’occupazione dell’Afghanistan ha prodotto un gigantesco boom della produzione di oppio a livello mondiale. Inglesi e americani hanno gestito le aree in cui è esploso questo tipo di produzione».

 

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/asia/2017/11/15/boom-produzione-oppio-in-afghanistan_03505d30-e51e-49fd-b528-98714efe4130.html

https://www.ilfattoquotidiano.it/2016/05/08/afghanistan-un-paese-fondato-sulloppio-e-i-talebani-sono-i-primi-a-guadagnarci/2705671/

https://www.swissinfo.ch/ita/afghanistan–onu–boom—87—della-produzione-di-oppio/43679344

http://blog.ilgiornale.it/foa/2016/07/14/afghanistan-guerra-e-droga-la-verita-che-imbarazza-la-nato/

https://www.carmillaonline.com/2016/09/17/guerra-delloppio-afghanistan/

Tags:

Ads

You May Also Like

L’Onu chiede il cessate il fuoco tra Sudan e Sud Sudan

Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu si è detto preoccupato per  i continui scontri che ...

Tutta l’energia dell’Algeria

di Andrea Tomasi L’Algeria è in crisi: una crisi economica profonda dovuta ai bassi ...

I sudanesi contro Bashir

Alle proteste nate dalla crisi economica si aggiungono quelle che richiedono le dimissioni del presidente al potere dal 1989

Il Sudan è in subbuglio. Da dicembre 2018, infatti, si sono intensificate le proteste ...