Siria destabilizzata, ecco perché

Parla il professor Antonino Alì, docente di diritto internazionale della Scuola di studi internazionali, della Facoltà di Giuriprudenza dell'Università di Trento

di Andrea Tomasi

La Siria come non ve l’ha raccontata nessuno. Ai microfoni di Caravan ha parlato il professor Antonino Alì, docente di diritto internazionale della Scuola di studi internazionali e della facoltà di Giurisprudenza di Trento.

Il conflitto, dopo l’utilizzo di armi chimiche da parte del governo di Bashar al-Assad, è scoppiato nei giorni scorsi. Ma cosa sta succedendo esattamente e cosa rischia di accadere nel Mediterraneo.

«Ritengo – dice il docente, che abbiamo intervistato nel suo studio a Trento – che in questo contesto particolare vi sia interesse che l’area sia destabilizzata. Vi è tutto l’interesse a ché, fin quando Assad non molla il regime quindi il governo della Siria e non si riesce a trovare un’altra soluzione, la situazione di instabilità continuerà a permanere perché – anche se l’Isis scomparirà, altri movimenti anti governativi continueranno in una maniera o nell’latra (o sono curdi o di altra provenienza) ad essere foraggiati e influenzati per destabilizzare il governo filo-russo e l’intervento iraniano. Se così non fosse, questa di fatto sarebbe una sconfitta cocente per gli Stati Uniti, ma direi anche per una buona parte dell’Europa, perché significherebbe lasciare totalmente la Siria e quel contesto in mano a russi, siriani e iraniani, con conseguenze in futuro anche per Israele. Mi domando se Stati come Israele possono accettare di avere una così alta presenza di iraniani nella parte sud della Siria e quindi ai confini con il Libano e nel territorio del Libano appoggiati dagli Hezbollah».

Qui sotto un estratto dell’intervista al professor Alì. La versione integrale su Caravan, tra pochi giorni.

Tags:

Ads

You May Also Like

Niente tariffe tra Usa e Messico

Guerre commerciali: accordo - di facciata- fra i due Paesi

di Maurizio Sacchi Il 10 giugno sarebbero dovute scattare le tariffe punitive contro il ...

La crisi dietro la facciata

La difficile congiuntura economica del Turkmenistan, marcata da iperinflazione e da una diffusa penuria di cibo, ha portato a una repressione del dissenso sempre più dura. La denuncia di un think tank europeo

Il Turkmenistan è un”Economia Potemkin”, con una facciata in marmo e indicatori economici ufficiali ...

La “revisione” della memoria

Da quest’anno gli studenti dei licei della Republika Srpska seguiranno in alcune materie il programma scolastico importato dalla vicina Serbia

di Edvard Cucek Da quest’anno scolastico 2019/20 gli studenti dei licei di terzo e ...