NO WAR – NO PEACE: la mostra speciale dell’Atlante

L’Atlante delle guerre va in mostra a Riva del Garda. Domani (16 marzo) alle 18 verrà inaugurata NO WAR – NO PEACE: un’esposizione tra pensiero ed emozioni al MAG (Museo Alto Garda).

Quando si smette di sparare, una volta seppelliti i morti, restano i conflitti sociali. Spesso si tratta di focolai pronti a riaccendersi.

Si potrà fare un viaggio nella storia passata e recente. Si potrà passeggiare nel tempo, immersi nella cartina geografica di un pianeta che non riesce a trovare vera pace.

E poi ci sono fotografie e installazioni video. Nelle sale al piano terra della “rocca di Riva del Garda”, in un maxi schermo, si trovano anche le video-interviste al professor Giovanni Scotto (Università di Firenze) e della professoressa Chantal Meloni (Università di Milano). Le fotografie sono di Fabio Bucciarelli.

Scotto parla delle macerie sociali rimaste dopo gli interventi bellici nell’ex Jugoslavia, dove la pace imperiale è solo assenza di bombe.

Meloni parla dell’utilizzo dei droni killer in aree geografiche molto vicine a noi, dove però formalmente non ci sono guerre in corso.

L’uso degli aerei senza pilota pone la questione della violazione sistematica dei diritti umani.
L’Italia – spiega la docente – ha siglato un accordo con gli Stati Uniti per l’uso dei droni armati. Ha concesso l’utilizzo della base di Sigonella, ma formalmente non si sa nulla di questo “contratto” e il governo finora si è appellato al “segreto di Stato”. Intanto però i civili in alcuni Paesi muoiono nell’indifferenza generale. C’è anche una vittima italiana.

Ecco un estratto della sua video-denuncia:

La mostra NO WAR NO PEACE – pensata e voluta dall’Associazione 46° Parallelo – Atlante delle guerre e dei conflitti del mondo – parla dunque delle guerre passate e di quelle presenti, quelle di cui non parla mai nessuno, o quasi.

L’attenzione volge verso la fragilità insita nel termine “pace”, a diciotto anni dalla fine del “secolo breve”: non sempre infatti la pace è conseguente – come crediamo – alla fine di una guerra. Sono decine, negli ultimi anni, le guerre cessate che non hanno però determinato la pace.

Anche l’Europa degli ultimi decenni è disseminata di tristi esempi di stati di pace non raggiunti.
Il Museo di Riva del Garda si trasforma così in una scenografia per un percorso di emozioni e pensiero, tra macerie, immagini e racconto.

La mostra NO WAR – NO PEACE rientra nel progetto Guerre e Pace. 1918-2018 che il Mag nel 2018 dedica al centenario della fine della Prima guerra mondiale e che si articola in tre mostre dispiegate in diversi momenti negli spazi del Museo di Riva del Garda e in una variegata proposta di appuntamenti dalla primavera all’autunno presso i forti del Monte Brione ubicati lungo il Sentiero della Pace a Riva del Garda.

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Dalla Libia con furore

Il rapporto di due Ong mette sotto accusa le transazioni di una società svizzera con una rete libica di trafficanti di gasolio. Via Malta

Un rapporto di TRIAL International e Public Eye presentato in questi giorni a Ginevra ...

«Libertà di stampa! Siamo a Varsavia»

di Ilario Pedrini Se ne sono accorti in pochi ma in Polonia esiste un ...

Bastone e carota nel negoziato afgano

Iniziato a Doha l'ottavo incontro tra Talebani e Americani. Mentre luglio segna un record di vittime civili e Trump torna a minacciare la guerra totale

di Emanuele Giordana A poco tempo forse da un annuncio congiunto talebano-americano sul negoziato ...